Non ci speravamo quasi più. Nel nostro gruppo di mamme preferito c’era un’atmosfera di resa. L’amministratrice Elena non ha più menzionato nei suoi deliri lo zio maresciallo, né ha manifestato la sua intenzione a volersi liberare di Vipera. Questo però non significa che, almeno segretamente, la ricerca si sia fermata. Tant’è che il numero dei membri del gruppo è sceso da 222 a 198. Un dato puramente indicativo, ma comunque importante. Evidentemente i colloqui privati con le “mamme vegane contro l’invidia” hanno mietuto diverse vittime. Pare evidente che questi tagli siano stati fatti con i piedi, ma è bene accettare un’altra verità: presto o tardi Vipera sarà scoperta e il gioco finirà. Ma non oggi.

Negli ultimi 10 giorni sul gruppo si è parlato di vari argomenti, un paio di questi li ho già condivisi sulla pagina. La ricetta del ricottone-vegano-mamy è stato il primo.

2

Quando l’ho letto ho vomitato il cenone di Natale del ’91. Prendere nota: non accettare mai nulla dai vicini di casa. Ci si interroga comunque sul cosa possa mai essere il termometro per alimenti veg. E in cosa differisca dal classico termometro per alimenti, ma queste sono pinzillàcchere. Non abbiamo neanche fatto in tempo a ipotizzare soluzioni, quando un’altra mamma ci ha raccontato la sua vicenda.

1

Questa signora la immagino amica dell’altra con il cane che cagava in negozio e dove una “commessa cafona” ha preteso che pulisse.

Ci eravamo dunque fermati qui. Fino a lunedì, quando sul gruppo è apparso un nuovo misterioso personaggio: l’avvocatessa psicoterapeuta.

cinzia

Sulla doppia laurea della dott.ssa avv. Cinzia non abbiamo alcun dubbio, guai a pensare il contrario, anche se quando si diventa avvocati il titolo di “dott” bisognerebbe eliminarlo, ma chi siamo noi per giudicare? Immagino inoltre che lo spot della De Fonseca, dove il cane sarebbe stato torturato, sia questo.

Che avrei dato per essere presente al blitz. Evento eversivo che immagino bello ricco di soddisfazioni e con plebiscitarie presenze, come quello di questo ragazzino e questa affascinante signora, a Bolzano, fuori alla macelleria di Tito Speck.

La Cinzia però non si ferma a una presentazione altolocata. La donna torna sul punto della questione. Lei è nel gruppo per aiutare le presenti a liberarsi di Vipera e liberarsi di me.

fidatissime

Non capisco in che modo io possa risultare anonimo visto che le mie generalità sono ben note e ho anche più volte linkato il mio profilo personale ( che è questo ). Inoltre qui sul sito, in alto, c’è il tasto “Chi è il Signor Distruggere?“… è italiano, dovrebbe essere comprensibile per una plurilaureata. Un po’ comico questo copia e incolla del codice penale, che si riferisce alla posta e alla corrispondenza privata e non ai gruppi su Facebook, ma vabbè. Che poi, ammessa e non concessa l’estensione di corrispondenza ai gruppi privati, i reati sussisterebbero se Vipera si fosse appropriata di messaggi a lei non indirizzati. Peccato che Vipera, indipendentemente dalla sua natura di “spia”, faccia parte del gruppo e, quindi, sia legittimamente destinataria di qualunque post pubblicato lì dentro. Quello però che è certo è che la signora abbia avuto modo di visionare questa mia foto privata. Che l’abbia vista sul mio Instagram?

Nell’attesa che lo zio maresciallo venga messo sulla giusta strada dall’avvocatessa psicoterapeuta (o dalla sensitiva delle puntate precedenti), vi rimando al prossimo aggiornamento. Mi raccomando sempre di condividere questo articolo usando i tasti di condivisione qui sotto con l’hashtag…

#ResistiVipera

Per la sesta parte clicca qui.

Written by SignorDistruggere
Vincenzo Maisto nasce a Salerno nel 1985. Dopo un'inutile laurea e una lunga serie di fallimenti personali, crea la pagina Facebook "Il Signor Distruggere".