Sedetevi. Preparate del bicarbonato con limone, il vostro sogno di essere finalmente pronti alla prova costume è quasi realtà. Perché siamo qui? Beh, mi sembrava doveroso fare chiarezza su un particolare fenomeno diffuso dalle Pancine d’amore. Se sei finito su questo blog per caso, sappi che “Pancine d’amore” è il nome che si sono autonomamente date le neo-mamme sui gruppi e sulle pagine Facebook con il tema della maternità. Ci sono poi varie soluzioni simili, tipo: panciotte, pancione, batuffole, etc. Ma a noi piace quello canonico. Una particolare moda, nata da un paio d’anni negli USA, prevede la creazione di una torta “partoritrice”, una leccornia a forma di vagina, con toni gore e splatter, dalla quale fuoriesce la testa di una bambola. Pare che sia di buon auspicio. Benissimo, cominciamo. Musica consigliata chillout.

 Allora direi di iniziare con delle tipologie:

  1. Le classiche. Generalmente in rosa con peli pubici di cioccolato e testa della bambola che fuoriesce da una placenta di fragole o crema. I peli pubici sono indispensabili, così da poter conferire maggiore profondità alla scena. Alcune, le più esigenti, ci tengono a mostrare anche l’orifizio anale imbastito di cioccolato. Spesso con stronzo annesso, questo perché, notoriamente, durante il parto esiste la possibilità di defecazione. Che invidia per quello a cui capiterà proprio quella fetta.

2. Poi abbiamo, ovviamente, la variante afro.

3. Non sempre il parto avviene dalla testa.

4. Poi ci sono quelle tutte in pasta di zucchero. Le più “dolci”.

5. Poi abbiamo le più audaci. Roba che manco nei libri di medicina legale si vedono ‘ste robe.

6. La variante “Placenta

E in Italia? Come stiamo messi qui da noi? Beh, le nostre pancine si stanno mobilitando per fare propria questa favolosa usanza. Infatti abbiamo le prime testimonianze direttamente dai nostri gruppi Facebook preferiti.

Interessante anche la variante “mestruo di mia figlia”, ricordiamo con passione la drammatica vicenda di questa mamma.

Ovviamente, qualora una di queste signore avesse qualcosa da dirmi, potrà farlo sul mio profilo personale. Aspetto in trepidante attesa. Per voi, invece, che avete avuto lo stomaco di giungere fino alla fine del post, c’è una sorpresa… la torta Partoritrice che partorisce!

Se pensate di aver visto tutto vi sbagliate. Ho in serbo per voi un incubo ben peggiore. Il prossimo aggiornamento del blog vi aprirà un mondo, una realtà che forse sarebbe meglio non conoscere. Iscrivetevi alla newsletter, trovate il modulo in colonna a destra per chi si collega da desktop o a fondo pagina per il mobile. Sarete avvisati del nuovo post.

ps.
Ringrazio lo youtuber NEURODROME per il prezioso aiuto nella ricerca delle foto.

Desideri un’altra perla da Distruggere? Ottimo!

Seguilo su Facebook e Twitter, basta un click qui sotto.

Written by SignorDistruggere
Vincenzo Maisto nasce a Salerno nel 1985. Dopo un'inutile laurea e una lunga serie di fallimenti personali, crea la pagina Facebook "Il Signor Distruggere".