LE TORTE PARTORITRICI

Sedetevi. Preparate del bicarbonato con limone, il vostro sogno di essere finalmente pronti alla prova costume è quasi realtà. Perché siamo qui? Beh, mi sembrava doveroso fare chiarezza su un particolare fenomeno diffuso dalle Pancine d’amore. Se sei finito su questo blog per caso, sappi che “Pancine d’amore” è il nome che si sono autonomamente date le neo-mamme sui gruppi e sulle pagine Facebook con il tema della maternità. Ci sono poi varie soluzioni simili, tipo: panciotte, pancione, batuffole, etc. Ma a noi piace quello canonico. Una particolare moda, nata da un paio d’anni negli USA, prevede la creazione di una torta “partoritrice”, una leccornia a forma di vagina, con toni gore e splatter, dalla quale fuoriesce la testa di una bambola. Pare che sia di buon auspicio. Benissimo, cominciamo. Musica consigliata chillout.

 Allora direi di iniziare con delle tipologie:

  1. Le classiche. Generalmente in rosa con peli pubici di cioccolato e testa della bambola che fuoriesce da una placenta di fragole o crema. I peli pubici sono indispensabili, così da poter conferire maggiore profondità alla scena. Alcune, le più esigenti, ci tengono a mostrare anche l’orifizio anale imbastito di cioccolato. Spesso con stronzo annesso, questo perché, notoriamente, durante il parto esiste la possibilità di defecazione. Che invidia per quello a cui capiterà proprio quella fetta.

2. Poi abbiamo, ovviamente, la variante afro.

3. Non sempre il parto avviene dalla testa.

4. Poi ci sono quelle tutte in pasta di zucchero. Le più “dolci”.

5. Poi abbiamo le più audaci. Roba che manco nei libri di medicina legale si vedono ‘ste robe.

6. La variante “Placenta

7. Poi abbiamo la mia, per il mio compleanno! Non è tenera? L’ho condivisa sul mio profilo Instagram.

E in Italia? Come stiamo messi qui da noi? Beh, le nostre pancine si stanno mobilitando per fare propria questa favolosa usanza. Ovviamente, qualora una di queste signore avesse qualcosa da dirmi, potrà farlo sul mio profilo personale. Aspetto in trepidante attesa. Per voi, invece, che avete avuto lo stomaco di giungere fino alla fine del post, c’è una sorpresa… la torta Partoritrice che partorisce!

Se pensate di aver visto tutto vi sbagliate. Ho in serbo per voi un incubo ben peggiore. Il prossimo aggiornamento del blog vi aprirà un mondo, una realtà che forse sarebbe meglio non conoscere. Iscrivetevi alla newsletter, trovate il modulo in colonna a destra per chi si collega da desktop o a fondo pagina per il mobile. Sarete avvisati del nuovo post.

ps.
Ringrazio lo youtuber NEURODROME per il prezioso aiuto nella ricerca delle foto.

Desideri un’altra perla da Distruggere? Ottimo!

Seguilo su Facebook e Twitter, basta un click qui sotto.

35 pensieri riguardo “LE TORTE PARTORITRICI”

  1. Foto fantastiche, grazie per averle postate. Stavo pensando a uno spuntino serale ma mi è passata la fame credo per una settimana.

  2. Con tutto il rispetto possibile per le decerebrate a cui é passato per il mono-neurone che possiedono di farsi fare un obbrobrio simile… MA AI LORO FIGLI NON CI PENSANO? “Che bello, rivediamo tutti le foto dell festa! BLEEAAAARRGGHH!”

  3. OMG!!!!Forse è per questi obrobri che mi è passata la voglia di avere figli?

  4. Anche la torta con il parto cesareo!!! Il dettaglio del bambino podalico potrebbe essere usato, per il suo realismo, in molti testi di ginecologia.

  5. è un quarto d’ora che penso a cosa scrivere ma niente, non trovo parole adatte a descrivere ciò che sto provando. e lo stronzo che esce è la ciliegina. boh

  6. Mi sarebbe piaciuto avere dei figli. Prima di vedere questa “roba”. Stavo anche per cenare, ma credo che rinuncerò…l

  7. Al liceo ci fecero vedere il video di un parto, e pensavo di aver visto l’orrore.
    Mi sbagliavo.

  8. Ho trovato il modo di non mangiare più torte. Semplicemente penserò a queste tutte le volte che mi verrà la tentazione ?

  9. La chiamano fiorella ma nessuna le ha fatto i petali… ???
    Mamma che ribrezzo… manco dario argento arriva a tanto ?

  10. I neonati saranno incapaci di vendetta ancora per qualche anno dopo l’infame torta; starei invece molto attenta alla giovane Lia la cui mamma l’ha spedita a scuola recando la torta col Tampax insanguinato. “Carrie lo sguardo di Satana” ha ucciso per meno.

  11. Io faccio la pasticcera e già una volta, su richiesta dell’amica di una futura mamma,ho dovuto fare dei wurstel ricoperti di pasta sfoglia che ricordassero dei neonati nella copertina ( ho dovuto metterci anche gli occhi). Ha anche insisto che venissero serviti con del ketchup. La cosa era assolutamente macabra!! Semmai dovessero richiedermi una torta del genere…includo nel prezzo la parcella per lo psicologo!! Che orrore!

I commenti sono chiusi