LA PETALOGIA – LEZIONE 9 MODULO 2

Finalmente torniamo quasi a regime con una quasi lezione “vecchio stile” che la docente Annarita ha anticipato a stasera perché pare che domani abbia un impegno improrogabile. In questa scopriamo come preparare un “bagno emozionale” grazie alla Petalogia. Questa scienza esatta che, di lezione in lezione, ci introduce nell’universo del rigore scientifico e del miracolo alchemico.

Io comunque voglio un Governo Annarita. Che Mattarella ci pensi!

Vai alla lezione 10 del modulo 2!

59 pensieri riguardo “LA PETALOGIA – LEZIONE 9 MODULO 2”

  1. Davvero complimenti per quello che fai per tua figlia.. potresti fare di più, ad esempio, imparando l’italiano..

  2. Dopo il Lexotan credevo fosse passata al cannibalismo (acqua bollente e carote).

  3. Io nella vasca ci avrei messo anche del sedano, una cipolla, mezza gallina, pepe e sale q.b., e magari un po’ di tortellini.

    1. Scusa, ma niente gommosa, lingua e osso? Il tortellino o lo fai cullare da un brodo di cappone, o fai un bel brodo complesso con gallina e manzo!!

  4. Tocca che assolutamente si accordino sul significato canonico da attribuire a “emozionarsi” in mancanza di precisazioni dettagliate, perché qui la cosa comincia ad avere del perturbante…

  5. ma porca p****na..ma è vera sta cosa?già la mamma è una capra e si evince anche dal messaggio..esercizzi cn 2 z,niente accenti sulle è e tanti altre atrocità grammaticali..poi l’apoteosi..in turchia parlano turchese…ahahaha…la penna rossa nn è troppo?nn direi..la madre sarebbe da fustigazione..forse farebbe meglio a lasciar fare i compiti alla bimba..farebbe di certo meglio di lei e se dovesse sbagliare quanto meno avrà sbagliato lei e nn quel genio di sua madre..riguardo alla risposta poi..ahahah..mancano solo sedano e cipolla e ci siamo..un bel minestone e via…ahahaah

    1. Come minimo sedano e cipolla sono i fiori di riferimento di madre e figlia..

  6. “Non se ne ricorderà più”. Ne siamo certi? Essere costretti a piangere mentre si fa il bagno nel brodo… è qualcosa che ti porti dentro fino alla tomba.

    1. Nel senso che la sottoponi ad un’esperienza talmente più umiliante, che a confronto, uno sbaffo di penna rossa su un compito passa sullo sfondo..

    2. Te credo che non se ne ricorderà più, nessuno può sopravvivere alle ustioni che procura il bagno emozionale, a meno che……
      ….. a meno che Annarita non suggerisca un unguento miracoloso dietro pagamento via postepay, ma questo lo sapremo nel corso della lezione 10.

  7. Ora non so se sia meglio la mamma pancina che ruba i compiti alla figlia, il fatto che non sia in grado di svolgerli o il brodo di pollo consigliato da Annarita.

    1. la cosa peggiore è che sto secondo corso è semplicemente una raccolta di risposte a cretine sgrammaticate che pagano per niente. Questa non ha proprio più argomenti ma vuole raccattare i soldi del secondo diploma, tutto qui. Io continuo a ribadire che spero che dietro Annarita ci sia Distruggere che spilla soldi alle decerebrate

      1. Chi ha creato l’immagine ha corretto la frase. L’originale è ‘Ho un Probblema che spero tu mi aiuti’

      2. Il correttore automatico si deve essere rifiutato di scrivere così tante oscenità in un’unica frase (ma le pancine hanno pure i computer pancini?)

      3. Me ne sono accorto solo dopo averla postata, evidentemente il mio subconscio ha tentato disperatamente di correggere quello scempio mentre digitavo…

    1. “Sento una forza dentro di me che neanch’io so come” (cit. Sig. ra Famoso Iole, cartomante e sensitiva).

  8. Aiuta la figlia a fare i compiti (in realtà, da quello che scrive, li fa lei!!)… Ed è semianalfabeta! un bel miracolo che la maestra si sia limitata alla penna rossa!!
    Poi, viene il dubbio che la figlia piangesse per la consapevolezza di avere una madre capra, più che per la correzione.
    Il consiglio di Annarita è fantastico: praticamente le suggerisce di fare una bella zuppa di bambina: le fa pure mettere le carotine! Poi l’immancabile zenzero, che se non metti/fai mettere zenzero in ogni dove al giorno d’oggi non sei nessuno. Infine il fiore di riferimento della madre e della figlia… Quali sono? Basta un’altra ricarica postepay e la nostra professionista sarà felice di indicarlo!

  9. Eh…non si ricorderà piú della penna rossa ma le resterà il trauma del bagno emozionante. E quello come si cancella?

  10. La penna rossa non è troppo. È la sola speranza che tua figlia possa diventare meno ignorante di te. Riverisci la maestra e la sua penna. E non toccare i compiti di tua figlia, neanche per sbaglio. Anzi vai a farti tu un bagno emozionale con petali e odori da soffritto, mentre lei studia.
    Povero mondo.

  11. Oh. My. Fucking. Gum.
    Tra la domanda e la risposta ci sono talmente tanti errori grammaticali che hanno iniziato a fischiarmi le orecchie.
    Ti prego Distruggere, metti un disclaimer prima di post del genere, così mi preparo psicologicamente.

    Aqua! Ha scritto aqua!
    Uccidetemi…

    1. Potresti, potremmo, fare come il Mickey Mouse pubblicato qualche commento più in alto. Sto iniziando seriamente a pensarci, visto che non riesco a smettere con ‘sta droga

    1. Per riprendersi da questa dovrebbe preparare una bella vasca di acqua calda, mettere la testa sotto e respirare profondamente..

  12. È proprio brodo!!! Poi la figlia piangerà perchè si sentirà unta per 10 giorni!
    E poi diciamolo: emozionarsi in vasca è un po’ equivoco!

  13. Per me la figlia è sconvolta da sua madre non dal segno rosso!
    Mi domando solo il perché, se Wanna Marchi e sua figlia sono finite in gabbia, questa tizia sia ancora a piede libero.

  14. A proposito: secondo me il bagno nel brodo è più emozionante se lo fai quando è ancora bollente!

  15. E dopo le 30 gocce di lexotan al coniuge peloso…bambina bollita in brodo vegetale.Che Annarita sia un pelo sadica? insomma non solo infili tua figlia in un immondo minestrone allo zenzero ma le riparli dello sciagurato compito che la sciagurata e sgrammaticata madre ha sbagliato!!!!! non erano meglio due coccole e un panino alla nutella?

  16. Spero che la mamma in questione sia di origine straniera e quindi in difficolta’ con l’italiano per questo motivo. Altrimenti bisogna internarla in una scuola assieme alla figlia. A quel punto avranno un buon motivo per fare i compiti insieme.
    Dall’altro canto, la cara Annarita e’ pure una Strxxxza, perché oltre a rapinare queste sprovvedute le dileggia pure pubblicando le loro email private senza preoccuparsi almeno di correggere le loro castronerie grammaticali.

  17. Ma quel “postep.” è scritto così per evitare di fare brutte figure e non far capire che sia una ignorante incapace di conosce l’inglese e di scriverlo?

      1. ? Opzione possibile. Ovviamente gli errori restano in ogni lettera di quello scritto e non certo per la mancata conoscenza dell’inglese.

  18. “sollevate le scatole, sotto ci trovate:
    – una bambina
    – zenzero
    – dei petali del vostro fiore di riferimento
    – un compito delle elementari pieno di errori
    – una carota
    – mezzo litro di lacrime
    Usando questi ingredienti dovete preparare il vostro miglior piatto. Avete 45 minuti a partire da … ORA”

  19. Questa volta non ha elemosinato consulti?! Sono commossa, ho le lacrime agli occhi. Ne approfitto subito per fare un bagno emozionale nel brodo

    1. Veramente non elemosina perchè la tipa ha già pagato il consulto… cosa pensi che significhi.. postep… se non postpay

  20. È visibilmente un fake: ha scritto”esercizio” anziché “esercizzio”. Fake fake fake!

  21. Ma che cavolo sto leggendo? E’ totalmente fuori di testa o cosa? Questa sbarella di più a ogni lezione che posta! Lexotan e bagni a 40 gradi?? Sei seria??

  22. Ma poi, che cavolo vuol dire emozionarsi nella vasca? Farci la pipì dentro?

  23. E andiamo di brodo XD Poveri Turchi che parlano il turchese!! Comunque e palese che si inventa queste storielle sperando che qualcuno abbocchi! Veramente…dai… esiste gente simile?

  24. VIVO A CRETA E PARLO CRETINO.
    Attendo copie dei vostri postepay, grazie.

  25. A quanto pare le forme di formaggio non bastano più ora serve il brodo di infante.

I commenti sono chiusi