I Segreti dei nostri mariti – ep 2 “La lettera”

i segreti dei nostri mariti

Secondo episodio della nuova rubrica “I segreti dei nostri mariti”. Diciamo che giovedì scorso (il giorno in cui questi messaggi vengono pubblicati sul gruppo della Sabry), non è stato pubblicato nulla di particolarmente esilarante, ma, fortunatamente, avevamo questo dalla settimana precedente. Ora sedetevi, respirate profondamente e immergetevi in questa nuova spumeggiante avventura.

30 pensieri riguardo “I Segreti dei nostri mariti – ep 2 “La lettera””

  1. Massimo rispetto per la grammatica italiana che viene sempre più sbeffeggiata in questi scritti.
    Qui comunque possiamo constatare che non solo la Lei di turno e relative commentatrici sono delle perfette idiote, in questo caso anche il marito ci mette molto del suo!!
    Inizialmente stavo per paragonarlo a Verdone/Pivetti in Viaggi di Nozze, sempre con questa “Lucilla” morta che aleggia in ogni fare e ogno dove. POi invece ci accorgiamo che il marito è l’altra mezza mela dell’ Idiozia, o come recita un vecchio adagio Toscano” Chi si somiglia… si piglia”. ed appunto due perfetti idioti!
    Che dire di più? vogliamo ancora bistrattare di più questa poverà lingua italiana?

  2. Beh, dopo uno che di fatto era un serial killer e faceva cuscini con parti umane, ora abbiamo quello con gli amici immaginari…come diceva sora Lella: “Annamo bbbene!”
    D’altro canto uno che sposa le pancine, può essere sano di mente?

  3. Tralasciando i due decerebrati della storia, su cui è superfluo spendere parole, sono i commenti sotto a fare venire ancora di più la pelle d’oca. La prima ha una reazione tipica da pancina, infastidita dal fatto che suo marito abbia avuto un’ex. Ma chi vorrebbero queste donne? Uomini che non hanno mai messo il naso fuori dalla porta, che passano da casa con mamma a casa con la moglie e poi non sono in grado di farsi nemmeno un uovo al tegamino? Ciò che conta è che non abbiano avuto altre storie “all’infuori di me”. L’amore inteso come religione monoteistica.
    La seconda, praticamente semi-analfabeta, perché non ha capito un cazzo di ciò che ha letto (oddio, sarebbe anche scusabile, considerato il livello dell’italiano). Però la risposta è tipica, anche questa volta: “questa tizia non poteva farsi gli affari suoi?”. Le pancine lo scrivono spesso.
    La terza definisce addirittura romantico lo psicolabile, creandosi nel cervello delle motivazioni a sostegno di questa tesi che esulano totalmente dal contesto; non ravvisa nel racconto alcunché di malato.
    Del resto le pancine non possono criticare altre pancine, “pena il ban”.
    Queste vivono davvero in una realtà distopica

    1. In fondo è la cosa più rassicurante avere un uomo che non ha mai provato un rapporto diverso dal loro, fatto di sesso ad occhi chiusi e di tristissimi pudori (ricordi quel tipo che si straniò per aver trovato gli assorbenti nella borsa della moglie?). E la stessa cosa vale anche per gli uomini, una ragazza che non ha nessuna esperienza della vita fuori di casa, che ha bisogno di un uomo anche per fare un bonifico o partecipare ad una riunione di condominio. A volte mi sento a disagio a pensare che nel 2018 esistano persone del genere (sia maschi che femmine).

      Poi comunque lui è un tristissimo psicopatico: uno che non solo si inventa una finta fidanzata (già cosa piuttosto triste) ma finge anche che scriva alla sua attuale fidanzata, ha qualcosa che non gli funziona nel cervello, me lo vedo già tipo Anthony Perkins parlare con il cadavere della pancina…

  4. C’e’ qualcosa che non mi torna:
    1) Se la lettera e’ stata scritta dal marito, come mai la pancina non si e’ accorta che la calligrafia era quella del marito?
    2) Se Cristina non esiste, con chi e’ rimasto al telefono il marito?
    Comunque a me questo racconto fa venire in mente la trama di un film horror di serie B, in cui alla fine Cristina si manifesta come entita’ demoniaca, lotta furibonda con la nostra eroina-pancina, e pugnalata decisiva tramite il talismano alla placenta che fa risprofondare Cristina la’ da dove e’ venuta.

    Se non si tratta di un horror, allora siamo al cospetto di un emerito demente che ha sposato una emerita demente. E sarebbe l’ennesima riprova del fatto che “ogni simile ama il suo simile”.

    Menzione d’onore per la seconda commentatrice: questa non ha proprio capito un cazzo di niente di quello che ha letto.

    1. 1) perché è una pancina what else? Visto come scrivono non credo abbiano mai usato molto una penna, non mi stupisce che da semplici fidanzati non conoscesse le grafia del futuro marito.
      2) O è un folle completo che ha finto di parlare da solo, o aveva una amante (tenderei ad escluderlo visto il soggetto, ma a volte succede) o parlava con Giggetto del calcetto del giovedì sera.

    2. E soprattutto, il demente perché si è tenuto pure le brutte copie della lettera??? ???

  5. Solo io ho notato che il marito potrebbe essere un potenziale genio. Probabilmente prima del matrimonio ha avuto delle amanti e stava per essere scoperto riguardo l’ultima tresca, con la quale amante resta al cel per un ora, allora arriva il genio: “E Cristina che ci benedisce” .
    Per far sembrare la cosa piú veriteria, scrive, di suo pugno una lettera firmata come Cristina.
    Dopo anni si scopre l’identità dello scrivente e lui dice che si era inventato tutto, per far innamorare prima sua moglie di lui.
    La moglie si scorda della telefonata e non si insospettisce.

    P.s. Ovviamente “o” fatto fatica a leggere il testo e znche i commenti. Una “pece” per la lingua italiana

      1. Queste donne sorvolano completamente sul fatto che gli uomini che sposano mentono loro spudoratamente e mantengono la menzogna per anni. D’altronde ci sono anche quelle che vengono stuprate e non se ne rendono conto. Sono problemi sociali molto seri dei quali non si parla mai.

  6. Ma al di là della follia della cosa in sé. Perché non ha buttato via ‘la brutta’ della lettera? PERCHÉ?!

    1. Secondo me tutta la storia è una fuffa. Le pancione vivono in un mondo tutto loro, probabilmente si sarà inventata tutto quanto per scrivere e venir postata cosicché qualcuno interagisca. Insomma, un po’ come quelli che raccontano cavolate palesi eppure gli si da orecchio per sentire cosa si inventa.
      Chiamiamoli “5 minuti di anonima notorietà”.

      1. Sai che la tua tesi e’ la piu’ convincente?
        La storia in effetti fa acqua da tutte le parti, e potrebbe proprio essere un (tristissimo) tentativo di issarsi sul piedistallo della web-notorieta’. E – per dirla tutta – se fosse cosi’, passerei dall’ilarita’ al provare una grandissima pena per la pancina in questione …

  7. Ma il top sono i commenti!

    Non ho capito bene forse.
    FORSE!
    Una nuova amica che però non hai potuto incontrare per i motivi che ti ha detto.
    NON ESISTE! ECCO I MOTIVI!

    Questo marito mi ha fatto partire i cinque minuti di punti esclamativi xD

  8. Santissima pazienza… Non so se sia peggio pensare a questa coppia di svalvolati (in via di riproduzione) o alla tipa totalmente incapace di comprendere un testo scritto (scritto male, per carità, ma non al punto da non capirci una emerita ceppa). Quanto disagio.

  9. E “gnente” la mia teoria che le pancine sposano degli Unni di categoria speciale si conferma sempre di più.
    Il drammatico é scoprire che questi sono a livello delle decerebrate, se non peggio, e non dei banali barbari, o dei barbari molto resistenti alle schifezze.

    Ora il dubbio, ma l’unione genetica pancina+Unno, che cosa nasce?, Fino ad ora abbiamo supposto dei poveri bambini, che verranno traumatizzati a vita, ma inizio a dubitare, pensateci, è una domanda che dobbiamo porci, nascono davvero dei bambini? Dio mio il futuro del pianeta é a rischio.

    1. Visto che vengono allattati fino ai dieci anni, nascono i SERIAL KILLER!
      Moriremo tutti!

  10. Ovviamente lui parlava di Cristina, la mano biricchina, sorella di Federica.

  11. Non mi stupirei di sapere che il marito pancino non esiste e la bimba è una reborn.

  12. Già sui giorni della settimana alla riga n. 1 mi sembrava entrata in confusione

  13. Che poi voglio dire, rispetto agli altri segreti questo è pure scritto in un italiano mediamente comprensibile: ha anche tentato d’inserire la punteggiatura (a cazzo, ma almeno è un tentativo), ma le pancine comunque non capiscono e il loro commento a proposito di una persona che non esiste è:
    Ma non poteva farsi gli affari suoi?

I commenti sono chiusi