I Segreti dei nostri mariti ep 12 – “L’amica virtuale”

Alcuni segreti hanno il potere di modificare le nostre vite. Neanche i papà pancini sono immuni alle tentazioni della tecnologia.

Ma, parlando di cose serie, avete votato per Distruggere ai Macchianera Internet Awards?

Per votare è molto semplice, dopo aver inserito il vostro nome e la vostra email (quella vera, ma non arriverà mai nessuno spam), votate per almeno dieci categorie (altrimenti il voto sarà nullo) selezionando “Il Signor Distruggere” in:

• Miglior Personaggio
• Miglior pagina Facebook
• Miglior sito di satira

Per votare cliccate QUI

55 pensieri riguardo “I Segreti dei nostri mariti ep 12 – “L’amica virtuale””

  1. Non mi ritengo una persona cattiva ma certi racconti tirano fuori il mio lato oscuro. Se fossi una infintrata nel gruppo avrei commentato “peró questa brutta esperienza vi ha fatto avvicinare ancora di più”
    Con tanti cuoricini e complimenti.

    1. Io avrei scritto “hai verificato se nell’ultimo anno tuo marito ha avuto cali alla vista?”

  2. Il profilo di coppia è una cosa orribile, ma la cosa peggiore è che queste credono alla scusa dell’attore uguale al marito.
    Comunque anche il marito non mi pare tanto furbo, la mamma non gli ha insegnato a non accettare webcam dalle sconosciute?

      1. Che fosse una sconosciuta è probabilmente l’unica cosa vera che ha detto, si tratta di una truffa che gira da anni (aveva fatto notizia due anni fa quando c’era cascato un attivista mentre seguiva un tour di un partito): un uomo aggiunge ai contatti un account (falso) di una bella ragazza che poco dopo gli propone di fare sesso via webcam, una volta ottenuto il video di lui che si masturba lo minaccia di inviare la registrazione a tutti i suoi contatti se non paga un riscatto.

      2. Breakin’ news – in anteprima mondiale il testo del messaggio ricattatorio: “O LA BORSA, O LA PIPPA”.

      3. Oppure lui ha aggiunto questa,e rompeva le palle e alla fine ha anche mandato un video suo mentre si faceva una sega. La povera Melania, ormai stanca di questo cretino, ha cercato la moglie e le ha avvertito che ha come marito un coglione. È più comune di quanto credete.

    1. Ovvio, una lontana parente ti contatta via internet, e tu di conseguenza ti fai le cose sul coso onlain.

      Scappo che ho appena ricevuto una mail da un avvocato che mi ha annunciato che un mio lontano prozio, apparentemente un principe Nigeriano di Singapore, mi ha lasciato un’eredità equivalente al PIL combinato di Rhodesia e Zaire! Devo solo fare un versamento di poche migliaia di euro per sbloccare i fondi!

      1. Ti conviene anche mandare “ quel famoso messaggio” a 20 persone, se ti ritorna almeno da 5 persone avrai una bella notizia, e se invece non lo invii stanotte uno spirito maligno ti apparirà e rapirà. Mi raccomando manda subito almeno a 20 Kontatti

  3. I veri maghi degli effetti speciali sono i mariti pancini, riescono a creare qualsiasi illusione..

  4. Queste disagiate sono proprio assurde: trovano la malizia e la cattiveria nelle azioni più innocue e quando si trovano davanti a queste situazioni fanno di tutto per non accettare la banale realtà, cioè che i loro mariti hanno non reggono il peso della vita insieme a delle mentecatte e si sfogano come possono.

    1. Anche se non avessero creduto alla balla raccontata dal marito, lo avrebbero comunque mondato da ogni peccato. La colpa è della donna, definita, nell’ordine, pazza, str#~la (qualunque cosa significhi), criminale e bastarda

  5. La SOVRINTENDENZA non ha ancora preso provvedimenti. Dove andremo a finire?

  6. non lo so ragazzi, questa storia somiglia tanto alla trama di un episodio di Black Mirror. sento puzza di fake.

      1. Immaginavo esistessero truffe del genere (anch’io ricevo decine di richieste di contatto fake all’anno) ma non pensavo fossero cosi’ diffuse. C’e’ piu’ gente che non sa usare l’internet di quel che pensavo. Sta storia allora forse e’ vera.

  7. Il classico marito che clicca sull’inserzione spam lampeggiante: “ CIAO SIAMO A 3KM DI DISTANZA, VUOI SCOPARE?”
    Ahahaha R I D O perché probabilmente cliccherà anche sul metodo per fare allungare il pene in 2 settimane. Oh god, SONO VERAMENTE EUFORICO! ( CIT. )

    1. A giudicare dal fatto che hanno fatto la denuncia in Sovrintendenza, il metodo per allungare il pene almeno ha funzionato!

      1. In realtà, la paternità della battuta va al buon Arrigo Tassi qui sopra, e al suo campanile di Giotto.

  8. C’è una certa coerenza in questo marito pancino. Ha rifilato alla moglie una balla talmente *monumentale* da denunciarla alla *sovrintendenza*.

    1. Che poi anche lui è un genio del male: rimane incastrato nella truffa più vecchia di internet, cioè figa (spesso falsa) che chiede l’amicizia, poi chiede video hot e poi minaccia di diffonderli agli amici del truffato se non viene pagata, però con la moglie usa la scusa del video del sosia. Non so chi è più ritardato tra i due. Meno male che c’è la sovrintendenza!

  9. Cioè dopo un anno la sovraintendenza non ha ancora fatto nulla?
    Ma che si credeva? di avere il campanile di Giotto?

  10. Ah ah ah…uahh uah uahhh….cazzo non riesco a smettere di ridere!!!
    L’attore uguale a lui! E lei che ci crede!!! che spettacolo! Ma quanto si può essere stupidi? Non è ingenuità, è basso q.i.; è diverso, ingenuo è lui che fa dei lavori del genere su fb dove sei beccabile e rintracciabile, lei è proprio demente…un attore uguale, manco dovessero incastrare l’amministratore delegato di Philip Morris! Per 500 euro, manco fossero 5 milioni di dollari!
    Poi bello, “la sovrintendenza”: sta deficiente non conosce manco la Polizia postale, cioè, questa la potresti picchiare in un parcheggio e non sa nemmeno che ti può denunciare ai Carabinieri, lei va dalla sovrintendenza!
    No vabbè, bisognerebbe dare loro un insegnante di sostegno, questa gente abbandonata a se stessa genera nell’ordine i seguenti sentimenti:
    1) riso e ilarità
    2) rabbia (perché poi quando senti i loro discorsi in cui si permettono di giudicare qualcuno allora ti viene da dire che se sei sub-normale devi tacere)
    3) schifo, perché pensi al contesto pseudo-normale in cui vivono ma pensi se ci vivessi tu che schifo sarebbe
    4) sensazione di malvagio godimento: se sei cornuta e subisci pure come una cretina ci godo, è la tua giusta punizione, specialmente per una che da della troia a quelle con la borsa LiVorno.
    5) pena totale: poi interviene l’umanità che è in te e ti fa capire che sono delle poverine che andrebbero aiutate.
    Ecco, nello scrivere il post sono già al quinto stadio…
    Anzi arrivo al sesto:
    6) rassegnazione…e chissene!

  11. A parte tutto il resto, “ha denunciato tutto alla sovrintendenza” mi ha fatto morire dal ridere: il *** di suo marito deve essere un PENE artistico culturale ? ?
    In realtà, cose del genere potrebbero accadere realmente, non serve nemmeno essere dei super professionisti del settore, basta un programma di A.I. tipo “Fakeapp”, un computer nemmeno troppo potente e tanta, tanta pazienza (all’inizio il risultato è spesso disastroso). Dai, diamo una possibilità a questo povero marito pancino!

      1. Mo mi prendo a schiaffetti per non averci pensato.. hai ragione FApp é perfetto.. la versione ios sarà presumibilmente I-FApp

  12. “Lo chiamo e gli dico tutto e lui mi rispose che la sera mi spiegava la cosa”.
    La maestria nell’uso della consecutio temporum dimostra chiaramente che la pancina in questione altri non è che Ornella.

    Non sapevo peraltro che ci fosse una sovraintendenza alle pippe in cam.

  13. E nessuno pensa a quel povero attore che ora potrebbe vedere la propria carriera rovinata, dopo essere stato associato alle pancine.

  14. E dopo le membrane e le corde vocali, arriva la fanta-tecnologia. Eh si, l’attore uguale a lui che non è lui è fatto con la computer grafica.

    1. Scherzi, anche il Pene protagonista in realtà è un’attore, il regista ne ha trovato uno uguale uguale

  15. Malizioso tu, semmai! Subito a pensare che il suo coso sia il suo coso, e non invece il suo coso, ma quell’altro!

    1. Cosa? Intendi quell’altro coso?quello che cosa con le cose?
      Beh é una cosa che fa riflettere

  16. Ma poi, che è ‘sta sovrintendenza? L’ha detto alla maestra? Alla preside? Ha chiesto l’aiuto del pubblico? Mah, son misteri.

  17. Il punto 3 esiste veramente ed è stato documentato in un video di Diprè (di cui non riesco a cercare il link ora) in cui intervista il pittore “Penelò” (definito “il nuovo Paolo Uccello”) che dipinge con, sì insomma, avete tutti capito…

    1. ahhh il buon vecchio caro tossico Diprè ecco in effetti con le pancine Diprè ci andrebbe a nozze

  18. insomma , ho capito che non devo piu’ leggere i tuoi post mentre mangio o rischio il soffocamento…. “modellismo ferroviario in scala Z usando il pene come riferimento ” ed è subito standing ovation

    1. grazie, sempre troppo buona..
      era una chiccha per “nerd del modellismo”.
      sono stupito, pochi conoscono la scala z del modelismo ferroviario, se non gli appassionati o parenti che subiscono gli appassionati..
      (ecco io facevo parte dei parenti)..

  19. Già non sopportavo i profili di coppia ma dopo questo racconto ogni volta che ne beccherò uno su Facebook penserò a una denuncia pendente alla sovrintendenza…

  20. Ma sono l’unica a pensare che questa gente si sta riproducendo???? Vi rendete conto che nel blog delle “pancine” sono migliaia, e qualcuna si è riprodotta più di una volta??? Io sono terrorizzata!!!!

I commenti sono chiusi