Elisabetta la plurilaureata – ep 3 “Moana”

Eccoci, finalmente, a un nuovo consulto della plurilaureata Elisabetta. Sebbene la signora sia laureata in medicina, psicologia e giurisprudenza, le pongono, però, sempre quesiti di stampo giuridico. Questa è un’ingiustizia. Il caso di oggi riguarda un film “Disney”.

MATERA

Ricordo che questo venerdì a Matera presenterò il libro “Le pancine d’amore”. Clicca Qui info sull’evento.

Il commento di Elisabetta non ha tardato ad arrivare…

Per rinfrescare la memoria con gli altri due casi della nostra plurilaureata, potete cliccare QUI per il primo e QUI per il secondo!

 

Non hai idee regalo per Natale?!

Regala le pancine! Clicca QUI

49 pensieri riguardo “Elisabetta la plurilaureata – ep 3 “Moana””

  1. 1) Ha scaricato illegalmente un film
    2) Il film era un porno
    3) Ha obbligato dei bambini a guardare tutto il video della prima comunione della pancina.
    4) Ha minacciato i bambini di non dire nulla.

    Direi che solo per il punto 3 merita gli insulti e le denunce.

  2. Mio dio. A questo punto potevo laurearmi anche io in giurisprudenza! Non c’è limite al peggio. O forse sì. Tipo come scrive. Ma la laurea dove l’ha presa??? E poi….350 gradi…basta, mi fermo. Aiuto!

  3. Non male per una Dr.ssa-psico-avvocata avere una visione limitata a soli 350 gradi… (purtroppo mi sa che non è ancora laureata in architettura).
    Ma dare un’occhiata al film prima di farlo vedere ai poveri piccoli era un ragionamento troppo difficile?!? A si, stiamo parlando di pancine e mariti pancini…

  4. Mi raccomando, conoscere tutto a 350 gradi (320 col forno ventilato).

    Comunque ha ragione, quei bambini avranno visto nel film numerose conoscenze limitate a 90 gradi.

    Conoscenze bibliche ovviamente, restiamo sempre in ambito integralista.
    Nudo integralista, per la precisione.

  5. Ha anche una laurea in matematica, ma non lo dice perché è una persona modesta

  6. L’unico marito pancino che non ha una cultura enciclopedica sui porno…

    Ma un DVD di un cartone animato qualunque, a quel punto, non ce l’aveva in casa? Costringere dei bambini a vedere il video della sua comunione si configura come crimine contro l’umanità.
    Per non parlare della cattiveria di usare la torta come arma di ricatto…
    Sorvolo su Elisabetta, sulle minchiate che scrive e sul suo uso dell’italiano, anche se preferirei sorvolarla con un b52 e sganciare qualcosa di grosso sulla sua testa.
    Comunque, questo angolo giro non trova pace, eh.

    1. Ultimamente, più uno è ottuso più si sente autorizzato a parlare dell’angolo giro.

    2. per celiare.. e se il marito magari ha una cultura enciclopedica in porno, ma ha fatto letteralmente quello che la moglie gli ha chiesto, domandandosi un blandissimo “mah sicura lei” ( da immaginare mentre risuona nel vuoto della scatola cranica di lui).
      O più probabilmente essendo un pirla e pure scocciato di scaricare qualcosa per la moglie, ha visto il primo torrent con scritto Disney Moana, l’ha scaricato alla volè senza controllare, beccandosi ovviamente l’usuale porno.
      E si il video della prima comunione della pancina è un crimine contro l’umanità.. immagino il trauma dei poveri piccoli.

  7. mah, il film in italiano si chiama Oceania e lui cerca “film Moana”? Che per caso voleva farlo vedere in lingua originale ai bambini? E dove sono i canonici errori grammaticali? Converrete con me che qualcosa non torna, la parte più credibile è la conoscenza a 350° di Elisabetta… sento puzza di troll

    1. Comunque questo episodio dimostra che alla Disney abbiano fatto bene a cambiare il titolo al film per l’edizione italiana. Anche se hanno sempre sostenuto che non l’anno fatto per l’omonomia con la pornostar… no, no, no, certo!
      Sul resto della storia, stendiamo un velo pietoso…

      1. stavolta, secondo me, si sono lasciati prendere troppo la mano, suona troppo di presa in giro. Non è per niente credibile che per vedere il film in italiano ti metti a cercarlo con il nome originale.

      2. Bisogna vedere se sono persone con un minimo di informazione in merito oppure no…
        Metti che a casa dell’amica abbiano visto una versione tarocca. Una di quelle col video ripreso da un cinema oppure da un DVD all’estero e sulla quale e’ stato poi montato l’audio italiano registrato in sala…
        Quelle versioni girano a pacchi, su internet, nelle prime settimane di programmazione nelle sale. Forti del fatto che spesso i film americani escono in ritardo di mesi in italia per via del doppiaggio o della necessita’ di farli cadere nel periodo piu’ propizio. Quindi spesso, per chi li pirata, e’ piu’ facile ottenere una buona versione video…
        In quel caso nei titoli di testa avrebbero visto il titolo originale… Se non sono persone che guardano i film di animazione con un minimo di interesse, avranno pensato in tutta ingenuita’ che quello fosse anche il titolo italiano…
        Non cadere nell’errore che tutti abbiano il tuo stesso retroterra culturale, la tua stessa morale, interessi etc…

      3. Però è la pancina stessa a dire che il film si chiama “oceania in originale moana”… Anche io onestamente sono dubbiosa sulla veridicità della storia.

  8. alla stregua del diritto di voto, certe persone l’internet non lo meritano. sorvolo su quel genio di elisabetta, ci sono gia’ abbastanza commenti.

    1. Secondo me la pancina ha proprio chiesto al marito: “Mi scarichi da internet il film di moana?”, e lui, comprensibilmente, ha cominciato a scodinzolare… anteriormente, aspettandosi qualche seratina piccante. La cosa più sconcertante è che siano passati alcuni minuti prima che si accorgessero SUBITO (sic) che era il film sbagliato!!

      1. beh, conta che comunque adesso anche quei filmetti lí hanno un po’ di trama quindi magari era la prima scena in cui lei si accorgeva di avere un problema al lavandino e chiamava questo idraulico, poi però non aveva contanti per pagarlo… 5minuti buoni di scena iniziale direi… il problema è che dovevano accorgersene subito perché non era fatto a cartone animato ma con persone vere e “dotate” ahahahaha

  9. Ecco cosa succede quando le tue conoscenze giuridiche vengono solo da “Law & Order – Special victims unit”, ma nemmeno in quello ci hai capito una fava.

  10. A me sta cosa fa morire dal ridere…poi però interviene la pluriminorata…cioè laureata (nel senso fatta al forno e condita con foglie di vetusto “lauro” e allora mi incazzo.
    Se questa ha delle lauree il mio pene è un missile intercontinentale con testata all’idrogeno più potente della TSAR; in secondo luogo questa è da denuncia.
    Una serie di istigazioni al reato che la metà basta, addirittura violenza psicologica su minore, falsa testimonianza…ecc.
    Poi da denunciare anche in geometria…
    Diciamo che ‘sta stronzata della privacy è una cagata pazzesca? Certa gente va esposta al pubblico ludibrio, la plurilaureata andrebbe citata con nome e cognome e insultata H24, ma siamo seri?

  11. Commentiamo il post prima.
    Il marito come tutti i mariti pancini, è un genio del male, ovviamente mica ha guardato cosa aveva scaricato il pirla.
    Ci mettono 10 minuti per rendersi conto che non é proprio il film giusto?
    FANNO VEDERE AI BIMBI IL FILMINO DI MERDA DELLA COMUNIONE DI LEI?
    lo trovo più traumatizzante del porno, per un bimbetto, ma sopratutto il niente torta se spifferate tutto..

    Per curiosità e per divertimento personale, ho sentito un amico avvocato, e gli ho girato il post.30 secondi dopo…ho sentito una risata fortissima, a seguire un tonfo, era svenuto per debito d’ossigeno, poi mi ha detto che andava a strappare la laurea , in striscioline sottili sottili.

    Le commentatrici fanno as usual vomitare..puoi essere denunciata perchè mamma?.. No, e malauguratamente, nemmeno perché si é di una coglionaggine intergalattica, altrimenti avremmo i tribunali intasati fino al 3100.

    Ma Elisabetta, ecco Elisabetta.. quanto la detesto io Elisabetta..
    Dopo il leggero mancamento al “350°” , mi é salita la carogna sulla spalla, come sempre accade quando sta mentecatta scrive qualsiasi cosa.
    Al “I bambini non vengono mai presi sul serio come prova, solo in caso di violenza.”, mi è venuta voglia di “scorticatura e uso smodato di sale”..
    Per Natale Le auguro il solito cagotto a Spruzzo, con tosse, singhiozzo, e cessi inagibili solo per lei, in un raggio di 300 km.

  12. sono i 10 gradi che mancano che mi preoccupano seriamente! Qualcuno potrebbe venir denunciato per circonvenzione d’incapace per questo

  13. Non è così scontato che sia una troll. Non solo perché la Sabrina prima di pubblicare i quesiti si va a controllare i profili di chi manda la posta, ma anche perché la storia su Moana/Oceania ha senso. Ci sono “mamme pancine” di 20 anni, è la generazione della fine degli anni ’90, non è detto che conoscano tutti Moana Pozzi e dubito che esista anche una sola pornostar con quel nome. Inoltre… sì, nei porno c’è un po’ di trama prima della fava, ma in quelli anni 80, mi ha detto “un amico”, che le fave, le bocce e il panettone si vedono a carrellata già nei titoli di testa, accanto ai nomi degli attori/attrici.

    1. Ok, ma se il film in italiano si chiama Oceania che senso ha cercare “film Moana”? Dai, questa storia puzza da 1km, è troppo forzato l’inserimento del titolo orignale, è credibile quanto uno che per fare vedere “Lily e il vagabondo” ai figli si mette a cercare “lady and the tramp”.

      1. Come uno che cerca game of thrones invece di “trono di spade”. Poi stiamo sempre a fare ipotesi su quel che la pancina abbia detto al marito e su quello che quest’ultimo ha capito. Comunque a me ai tempi di emule uscivano i porno anche cercando i film con i nomi corretti.

      2. Se cerchi su google e hai come lingua impostata in inglese, la ricerca “Oceania Disney” dà come primo risultato la pagina wiki del film Moana in inglese; inoltre, anche sulla pagina wiki in italiano, nella descrizione, c’è Oceania (Moana), quindi tutto sta diventando pericolosamente troppo realistico.

    2. Questa è una pancina doc, altro che troll. A prescindere dalla generazione dimenticate che per queste qui i film hard sono praticamente come la kryptonite per Superman. I concetti “doveri, compitini, cruciverba, austriaco felice” vi dicono nulla?

    3. A me fa paura proprio il fatto che abbia senso… Però obiettivamente è un film animato ambientato in Oceania, sono tutti mezzi nudi al mare, capita di confondersi…

  14. Oddio, me sarta er paismecher!
    No, la cosa più bella non è il racconto, sono i commenti.
    “Non li dare retta”
    Mavaff!
    E poi il consulto della laureata: “eh, al massimo circonvenzione di incapace con risvolti pedofili”.
    ‘Na passeggiata de salute, no?
    Negare, negare sempre, anche dopo che hai scritto tutto nell’interwebz è sempre bene non far conoscere la verità a 350 gradi.

  15. Perdonatemi ma io sto ancora ridendo per la pancina sconvolta dal film dei due cowboy gay.

    “mamma cosa stanno facendo quei due uomini nudi nella tenda?”
    “litigano figliolo”
    “ah…”

    E così il bambino pancino scoprì l’esistenza del sesso riparatore.

  16. Non era un’amica smaliziata, ma la cugina. E l’unico che può avere beneficio dal pubblicizzare Netflix sarei io, ma, quando lo faccio, e l’ho fatto, l’ho sempre specificato mettendo il campo #Ad, come la legge richiede di fare. Quindi, ti sbagli. Io utilizzo Netflix, i miei cugini no, non ci trovo nulla di assurdo o di paradossale nella cosa. La pancina poi chiede lumi alla cugina sul film, è lei che le dice Oceania/Moana, così come io direi Trono di spade/Game of thrones. Sul perché abbiano ricercato Moana o solo Moana (la signora dice “Moana qualcosa”), non lo sappiamo.

  17. Beh dai la TSAR la conosco, un po’ ho studiato. Poi se guardi il video su Youtube è impressionante. I russi smisero i test dopo che gli scappò un po’ di mano…andrebbe tirata in testa alla plurilaureata!

    1. La “plurilaureata” comunque andrebbe fermata in qualche modo, se non con una bomba termonucleare, per lo meno con la legge. Millantare credito e fornire consulenze professionali in tal modo non può essere legale, sebbene lei non chieda denaro in cambio e lo faccia in un gruppo provato. Chiederò a delle amiche avvocatesse in merito.

  18. Solo un’osservazione…
    Oceania è un film di animazione, il porno un film con attori in carne 😛 ed ossa.
    Come fai a metterci “minuti” a capire che non è il film giusto? o_O

  19. “non avergli fatto conoscere tutto a 350 gradi”… 10 gradi in meno perché una parte deve comunque rimanere non detta

I commenti sono chiusi